Convenzioni per evitare la doppia imposizione

Le convenzioni per evitare le doppie imposizioni (CDI) permettono di eliminare le doppie imposizioni delle persone fisiche e giuridiche che hanno dei legami con l’estero nell’ambito delle imposte sul reddito e sul patrimonio. Sono dunque un elemento importante nella promozione dello scambio economico internazionale. La Svizzera ha concluso CDI con oltre 100 Stati e si adopera per estendere ulteriormente questa rete. Sono inoltre state firmate otto convenzioni in materia di imposte sulle successioni.

Informazioni sui Paesi
(disponibili solo in tedesco e francese, link al sito dell’Amministrazione federale delle contribuzioni, AFC)

Convenzioni: Raccolta sistematica del diritto federale

È data doppia imposizione quando gli stessi elementi di reddito o parti di patrimonio dello stesso contribuente sono tassati contemporaneamente da due Paesi. Le disposizioni di una CDI hanno prevalentemente lo scopo di evitare la doppia imposizione attribuendo agli Stati partner il diritto di imposizione per le singole tipologie di reddito e di patrimonio. Tuttavia, queste disposizioni sono semplicemente circoscritte al diritto di imposizione degli Stati partner, mentre la base di tassazione è retta dal diritto interno degli Stati contraenti. 

La lista di persone che possono beneficiare di una CDI è lunga e variata e riguarda ad esempio: 

  • persone che hanno un’abitazione permanente in due Stati contemporaneamente;

  • imprese esportatrici e gruppi di imprese con società straniere affiliate;

  • persone che esercitano un’attività lucrativa con impieghi temporanei all’estero. 

    Le CDI hanno un ruolo fondamentale anche per qualsiasi tipo di investimento all’estero perché eliminano la doppia imposizione degli utili e dei ricavi da tali investimenti. Generalmente le CDI contemplano pure determinati divieti di discriminazione, un meccanismo di composizione delle controversie e una clausola sullo scambio di informazioni su domanda. 

    Da inizio 2019 sono entrati in vigore la CDI con lo Zambia come pure i Protocolli che modificano la CDI con l’Ecuador, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Sono inoltre stati firmati i Protocolli che modificano le CDI con il Bahrein, il Kuweit, la Nuova Zelanda, la Norvegia, la Svezia, l’Irlanda, i Paesi Bassi, l’Iran, la Corea del Sud e l’Ucraina.  
         

Informazioni sui Paesi
(disponibili solo in tedesco e francese, link al sito dell’Amministrazione federale delle contribuzioni, AFC)

Convenzioni per evitare le doppie imposizioni: panoramica

Navigazione marittima e aerea: accordi sull’imposizione delle imprese

Convenzioni: Raccolta sistematica del diritto federale

È data doppia imposizione quando gli stessi elementi di reddito o parti di patrimonio dello stesso contribuente sono tassati contemporaneamente da due Paesi. Le disposizioni di una CDI hanno prevalentemente lo scopo di evitare la doppia imposizione attribuendo agli Stati partner il diritto di imposizione per le singole tipologie di reddito e di patrimonio. Tuttavia, queste disposizioni sono semplicemente circoscritte al diritto di imposizione degli Stati partner, mentre la base di tassazione è retta dal diritto interno degli Stati contraenti. 

La lista di persone che possono beneficiare di una CDI è lunga e variata e riguarda ad esempio: 

  • persone che hanno un’abitazione permanente in due Stati contemporaneamente;

  • imprese esportatrici e gruppi di imprese con società straniere affiliate;

  • persone che esercitano un’attività lucrativa con impieghi temporanei all’estero. 

    Le CDI hanno un ruolo fondamentale anche per qualsiasi tipo di investimento all’estero perché eliminano la doppia imposizione degli utili e dei ricavi da tali investimenti. Generalmente le CDI contemplano pure determinati divieti di discriminazione, un meccanismo di composizione delle controversie e una clausola sullo scambio di informazioni su domanda. 

    Da inizio 2019 sono entrati in vigore la CDI con lo Zambia come pure i Protocolli che modificano la CDI con l’Ecuador, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Sono inoltre stati firmati i Protocolli che modificano le CDI con il Bahrein, il Kuweit, la Nuova Zelanda, la Norvegia, la Svezia, l’Irlanda, i Paesi Bassi, l’Iran, la Corea del Sud e l’Ucraina.  
         

I risultati del progetto BEPS («Base erosion and profit shifting») contengono raccomandazioni che richiedono l’adeguamento delle CDI esistenti. La Convenzione multilaterale per l’attuazione di misure relative alle convenzioni fiscali finalizzate a prevenire l’erosione della base imponibile e il trasferimento degli utili (Convenzione BEPS) consente di adeguare le CDI esistenti alle soluzioni definite dal progetto BEPS. 

Il 1° dicembre 2019 è entrata in vigore la Convenzione BEPS, in virtù della quale la Svizzera intende adeguare le CDI concluse con l’Argentina, l’Austria, il Cile, l’Islanda, l’Italia, la Lituania, il Lussemburgo, il Messico, il Portogallo, la Repubblica Ceca, il Sudafrica e la Turchia agli standard minimi scaturiti dal progetto BEPS.

Affinché le modifiche determinate dalla Convenzione BEPS esplichino i loro effetti occorre un’ulteriore notifica da parte della Svizzera al Depositario della Convenzione BEPS che indichi il completamento delle procedure necessarie. Un primo caso di questo tipo riguarda il Lussemburgo: con l’accordo amichevole del 12 maggio 2020 le autorità competenti della Svizzera e del Lussemburgo hanno concordato il tenore esatto delle modifiche scaturite dalla Convenzione (cfr. RU 2020 2641 e RU 2020 2715) BEPS . La procedura è quindi completata e la Svizzera ha eseguito la corrispondente notifica al Depositario della Convenzione BEPS. Le modifiche sono concretizzate nella Convenzione tra la Svizzera e il Lussemburgo per evitare le doppie imposizioni.

Per le CDI che non vengono modificate dalla Convenzione BEPS, la Svizzera prevede di adeguarle bilateralmente agli standard minimi definiti dal progetto BEPS.

Ulteriori informazioni

Media

26.08.2020
Il Consiglio federale licenzia i messaggi concernenti la nuova CDI con il Bahrein e il Protocollo che modifica la CDI con il Kuwait

20.07.2020
La Svizzera e Cipro firmano un protocollo che modifica la loro CDI

16.07.2020
La Suisse et Malte signent un protocole de modification de leur CDI

14.07.2020
La La Svizzera e il Liechtenstein firmano un Protocollo che modifica la loro CDI

29.11.2019
La Convenzione BEPS entra in vigore

25.11.2019
La Svizzera e il Bahrein firmano una Convenzione per evitare le doppie imposizioni

7.11.2019
La Svizzera e Kuwait firmano il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare le doppie imposizioni

28.10.2019
Entrate in vigore le modifiche della CDI con il Regno Unito

20.09.2019
Il Consiglio federale licenzia i messaggi concernenti le modifiche delle Convenzioni per evitare le doppie imposizioni con l’Irlanda e la Corea

08.08.2019
La Svizzera e la Nuova Zelanda firmano il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare le doppie imposizioni

30.07.2019
Entrata in vigore la nuova Convenzione tra la Svizzera e lo Zambia per evitare le doppie imposizioni

20.06.2019
La Svizzera e la Norvegia firmano il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare le doppie imposizioni

19.06.2019
La Svizzera e la Svezia firmano il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare le doppie imposizioni

13.06.2019
La Svizzera e l’Irlanda firmano il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare le doppie imposizioni

12.06.2019
La Svizzera e i Paesi Bassi firmano il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare la doppia imposizione

03.06.2019
La Svizzera e l’Iran firmano il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare le doppie imposizioni

17.05.2019
La Svizzera e la Corea del Sud firmano il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare le doppie imposizioni

24.01.2019
La Svizzera e l’Ucraina firmano il Protocollo di modifica della Convenzione per evitare le doppie imposizioni

Ultima modifica 12.01.2021

Inizio pagina

https://www.sif.admin.ch/content/sif/it/home/bilateral/steuerabkommen/doppelbesteuerungsabkommen.html