Politica fiscale internazionale

La Svizzera, in quanto economia piccola e aperta, deve poter contare su una politica fiscale attrattiva. Nel confronto internazionale il carico fiscale del nostro Paese è moderato. La politica fiscale svizzera si prefigge di mantenere e rafforzare l'attrattiva della piazza svizzera.

Imposizione delle imprese attrattiva quale fattore di localizzazione

Il Dipartimento federale delle finanze (DFF) e il Consiglio federale sono favorevoli alla concorrenza fiscale sia all'interno della Svizzera sia sul piano internazionale. La concorrenza fiscale è ritenuta un elemento regolatorio, che sprona i decisori statali a impiegare in modo parsimonioso i mezzi finanziari a loro affidati. Essa costringe la politica e le amministrazioni in concorrenza tra di loro ad offrire un rapporto vantaggioso tra prestazioni pubbliche e oneri fiscali.

In questo contesto, un'imposizione delle imprese attrattiva e convenzioni di doppia imposizione (CDI) con i partner economici più importanti sono fattori importanti. Le CDI si prefiggono di eliminare gli ostacoli nel traffico economico internazionale.

La cooperazione internazionale in materia fiscale

Il numero e la complessità dei temi fiscali con implicazioni internazionali è in costante aumento. Essendo pure toccata da questa tendenza, la Svizzera ha un forte interesse a cooperare con altri Stati in ambito fiscale. A tal fine, essa fa parte di diversi organismi internazionali in cui si discutono questioni di diritto fiscale internazionale e si elaborano standard di carattere generale. In primo piano troviamo l'OCSE e il «Global Forum on Transparency and Exchange of Information», quest'ultimo competente per il controllo dell'applicazione degli standard dell'OCSE negli scambi d'informazioni in materia fiscale.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 19.02.2018

Inizio pagina

https://www.sif.admin.ch/content/sif/it/home/themen/internationale-steuerpolitik.html